Beechcraft Staggerwing F17D

DH 82A Tiger Moth
3 maggio 2016
Waco 1933
3 agosto 2016

Beechcraft Staggerwing F17D

La progettazione di questo bellissimo biplano si deve a Walter H. Beech (1891-1950) uno dei fondatori del settore aeronautico a Wichita (Kansas) il quale affiancato dall’ingegnere aeronautico TA Wells progettarono e costruito un Biplano per soddisfare le esigenze legate al trasporto che oggi tutti noi conosciamo come “business executive”, questo Biplano venne chiamato: "Staggerwing". Potente e veloce, ha volato per la prima volta il 4 novembre del 1932, definendo lo standard per gli aerei passeggeri privati per molti anni a venire. E’ stato il Learjet degli anni ‘30. L'ala superiore si trova arretrata rispetto a quella inferiore; una soluzione che aumenta la visibilità, migliora il controllo a tutte le velocità e riduce la possibilità di stallo. Il carrello retrattile era una caratteristica poco comune per l'epoca, la quale garantiva una ridotta resistenza al vento, aumentando in modo significativo la velocità di crociera, la tipologia di carrello adottato permetteva atterraggi di emergenza sul ventre, considerato come un elemento di sicurezza importante. Progettato con una significativa razionalizzazione volta a ridurre il peso per offrire la massima velocità di crociera ed un comfort di cabina tra i migliori disponibili in quel momento. Possiamo dire che è stato uno degli aerei preferiti dai piloti di quel tempo e che l'uso di potenti motori radiali (che vanno dai 225 ai 710 cavalli) lo hanno reso più veloce di alcuni aerei militari dell'epoca. La sua velocità e le alte prestazioni lo hanno reso popolare anche nelle gare d'aria nel 1930. Una prima versione del Modello 17 ha vinto la Texaco Race Trophy 1933. Nel 1935, un diplomatico britannico, il capitano HL Farquhar, ha volato con successo in tutto il mondo con un B17R. Louise Thaden e Blanche Noyes, pilotando un modello C17R hanno vinto il prestigioso Bendix Race Trophy nel 1936. Jacqueline Cochran volando con uno Staggerwing ha stabilito diversi record femminili come quello di velocità , di altitudine arrivando oltre i 30.000 piedi (9,144 metri), ed è arrivata terza nel Bendix Trophy del 1937. In 16 anni di produzione sono stati costruiti ben 781 Staggerwings in otto differenti serie. L'ultimo aereo lascia la fabbrica nel 1949.Ogni Staggerwing era di norma costruito a mano e su misura con gli interni in pelle, poteva trasportare fino a 5 passeggeri. Quello di Jon e Marie è del 1939, modello F-17D che è stato commissionato, per uso personale, da Henry DuPont (della DuPont Chemicals), di Wilmington DE. Con lo scoppio della guerra negli Stati Uniti, come molti altri Staggerwing civili, ha prestato servizio con l'US Army Air Corps. E 'stato utilizzato principalmente durante la guerra per il trasporto exsecutive di generali e diplomatici. Ancora oggi conserva modifiche apportate durante il suo periodo di servizio nell'Esercito. Il Biplano ritornato nel registro civile degli Stati Uniti nel gennaio del 1945 è stato il primo aereo della Ozark Airlines ad entrare in servizio attivo garantendo i voli tra Springfield e Saint Louis (Missouri) fino a quando nel 1986 La Ozark è stata acquistata dalla più famosa TWA. Jon e Marie hanno acquistato questo Staggerwing nel 2007 da un capitano della Northwest Airlines. L'aereo era rimasto inutilizzato nel suo hangar a Seattle (Oregon) per molti anni. Sul motore 300hp Jacobs, abbiamo installato una iniezione modificata della Radial Engines Ltd. la quale migliora sensibilmente sia le prestazioni che il risparmio di carburante lasciando inalterate le linee classiche di questo Biplano. Abbiamo anche installato avionica di ultima generazione per il volo full IFR dato che utilizziamo l'aereo per spostarci in tutta Europa. Nel giro di poche settimane dall’acquisto, abbiamo volato da Seattle (Washington), attraverso gli Stati Uniti e sopra le Bahamas, prima di doverlo smontare per spedirlo in Europa. Attualmente si trova in Svezia ma nell'estate del 2013 è stato trasferito in Italia per completare i lavori di restauro.

PILOTA: Jon Roth

Comments are closed.