Fischer Celebrity di Simone Del Lungo

Fisher 404
6 aprile 2017
S.E. 5A di Igino Igini
11 aprile 2017

Fischer Celebrity di Simone Del Lungo

Il 16 dicembre 2009 alle ore 17.00 il kit è¨ finalmente arrivato. Come da istruzioni eseguo il controllo per verificare che in effetti il materiale sia a posto come quantità che qualità. Tutto ok, inizio con un po' di prove di assemblaggio a secco ed appena la temperatura torna a livelli accettabili (nei primi giorni successivi all'arrivo eravamo abbondantemente sotto lo zero) inizio a costruire centine e longheroni. E' il 24 dicembre, vigilia di Natale 2009...
Verificato che l'altezza del longherone principale e lo spessore della centina ottenuta con la prima dima producano un accoppiamento con tolleranze non superiori ad 1 mm procediamo a realizzare altre due maschere per le centine, due per le false centine e gli altri tre longheroni principali, realizzando un piccolo forno con delle scatole di cartone per poter mantenere una temperatura accettabile durante l'essiccaggio, temperatura ottenuta utilizzando due lampadine.
Per calettare i vari rinforzi e supporti ed incollarli ai listelli longitudinali (CW51), ho usato la mia fresa CNC. Per i vari incollaggi ho usato sia l'epossidica T88 che l'Aerolite. Dopo aver terminato i longheroni principali ho iniziato a costruire i longheroni posteriori usando la stessa maschera. Tutti i longheroni verranno rifiniti solo prima di iniziare a montare ciascuna semiala. Prima di iniziare ad assemblare le semiali, che sapevo mi avrebbero creato un po' di problemi di ingombro una volta realizzate, ho preferito dare la precedenza alla costruzione dei piani di coda. Ho così potuto soddisfare subito la mia curiosità di "formare" bordi di entrata e di uscita con la tecnica del laminato, composto da 8 striscie da 1/8" per lo stabilizzatore e da 7 per l'equilibratore.
Finalmente è arrivato il momento di iniziare a montare le centine sui longheroni. La scelta è¨ quella di iniziare con la semiala inferiore destra. Ho posizionato un listello di abete piallato da 30X60 mm sul bordo del tavolo per creare l'appoggio del bordo d'uscita e, all'altezza della centina d'attacco, ho disegnato una linea in squadra col bordo d'uscita sulla quale ho posizionato due appoggi per dare alla centina stessa l'inclinazione pari all'angolo di diedro. E qui inizia l'assemblaggio. Con l'ala appoggiata sul tavolo, dopo aver incollato le centine ai longheroni ed unito quest'ultimi con i listelli che formano gli elementi di compressione, ho completato la parte superiore incrociando i listelli del geodedico e realizzando, prima di staccarlo, la struttura dell'alettone. Sull'ala inferiore destra ,la prima realizzata, ho costruito anche il camminamento alare. A lavori eseguiti ho staccato l'ala dal tavolo per rigirarla e completare la parte inferiore, costruire il terminale precedentemente laminato, e staccare l'alettone.
Per completare l'ala abbiamo incollato il rivestimento del bordo d'entrata sui nasi delle centine. Per facilitare questa operazione il compensato è stato bagnato e tenuto ad asciugare in una sagoma in modo da fargli prendere forma. L'alettone è stato rivestito solo sulla parte superiore in attesa di controllare il perfetto allineamento dei fori quando arriverà il tubo di torsione definitivo. Rifinito anche l'alloggiamento dell'alettone, per iniziare la costruzione dell'altra, la prima semiala è stata portata in quello che per ora sarà il suo ricovero, nella camera mia e di mio fratello in casa dei miei genitori.
Con l'esperienza fatta nella costruzione della prima semiala, i tempi per realizzare le successive si sono un po' accorciati essendo le semiali superiori praticamente identiche alle inferiori, se non per una centina di differenza nella lunghezza. Ecco alcune foto delle fasi di lavorazione delle rimanenti tre semiali.
Ad ottobre 2010, dopo circa 10 mesi dall'inizio, il montaggio delle quattro semiali è praticamente terminato. Restano da completare le parti per le quali devo necessariamente attendere l'arrivo del resto del kit (che ho ordinato a fine mese), quali ad esempio i serbatoi alari ed il tubo di torsione dell'alettone. In attesa della fusoliera inizio a rifinire le semiali eseguendo tutte le stuccature con Sintolegno (bicomponente poliestere), lavoro per il quale, dato il poco spazio a disposizione, dovrà completare una semiala alla volta e sostituirla via via con un altra sistemata nella mia camera a casa dei miei. Insieme alla stuccatura ho iniziato anche a lavorare per risolvere alcuni problemi che sono sorti durante la costruzione, come ad esempio creare un incassatura sul bordo principale degli alettoni superiori per evitare che i bulloni delle staffe del longherone posteriore interferissero col movimento dell'alettone. Questo problema si è verificato a causa della modifica apportata sul disegno al longherone posteriore: i cappelli superiore ed inferiore sono stati aumentati da 1/2" (12,7 mm) a 3/4" (19 mm) diminuendo di fatto la luce tra ala e alettone di circa 6 mm senza però modificare l'alettone in relazione a questo aggiornamento. Sempre a causa delle staffe del longherone, questa volta quello principale, ho ricreato una base d'appoggio per un listello di geodedico che ho dovuto interrompere proprio per interferenza con una delle due staffe. Per fare la stondatura sul terminale dell'ala in modo più preciso ho realizzato con la mia fresa CNC un tampone di alluminio con una scanalatura sagomata nella quale incollare la carta vetrata.
Nonostante abbia ordinato insieme al kit della fusoliera anche i serbatoi alari in alluminio, ho voluto provare e realizzarne una coppia in vetroresina, con lo scopo principale di poter avere il livello carburante a vista. A questo scopo è stato fondamentale l'aiuto di Valter Paderni, il quale mi ha prestato lo stampo della parte a vista, che lui ha realizzato per il suo Fisher FP404 e che mi è servito come campione per creare uno stampo adatto alla centina del "Celebrity". Il modello per poter realizzare lo stampo l'ho disegnato al computer e fresato con la mia macchina CNC. E' stata l'occasione per provare a lavorare pezzi in 3D.

COSTRUZIONE FUSOLIERA
Le condizioni per poter incollare arrivano dopo un po' di giorni di attesa, ma finalmente possiamo iniziare. E' il 19 marzo 2011. Dopo aver montato deriva e timone ho iniziato a realizzare la maschera per poter costruire le fiancate della fusoliera. Per far ciò ho disteso sul tavolo il disegno ed ho inchiodato i blocchi di riferimento all'interno dei quali posizionare i vari listelli. Calettati a secco tutti i vari componenti, compresi i blocchi di rinforzo negli angoli, ho iniziato ad incollare. Ad essiccaggio avvenuto, ho tolto la fiancata dalla maschera. La mia prima fiancata del mio primo aereo costruito!!!!! Con la stessa procedura ho costruito anche la seconda e poi, deciso quale sarebbe stata la destra e quale la sinistra, ho iniziato ad incollare il rivestimento in compensato di betulla da 1/8" (3 mm). Gli incollaggi sono stati fatti tutti con T88 ad eccezione di quest'ultimo per il quale ho usato l 'Aerolite.
Per completare il rivestimento delle fiancate ho dovuto aspettare circa un mese e mezzo in quanto nel kit speditomi dalla "Fisher", il pannello centrale della fusoliera era stato tagliato più stretto. Quando mi è arrivato il materiale delle giuste dimensioni ho terminato il rivestimento ed iniziato il montaggio disegnando sul tavolo il profilo della fusoliera ed usando delle squadre in legno e dei blocchi come maschera.
Dopo aver unito le fiancate ed incollati tutti i vari listelli trasversali e diagonali, tutti i fazzoletti di rinforzo e tutti i vari supporti, ho girato nuovamente la fusoliera appoggiandola sul lato superiore per iniziare ad incollare i listelli della centinatura inferiore. Il primo passo da fare è quello di posizionare i supporti ad "U" in alluminio del carrello e per essere sicuro del corretto posizionamento ho provveduto per prima cosa a realizzare il carrello stesso.
Realizzato il carrello, l'ho posizionato sulla fusoliera verificando così la corretta locazione dei supporti, fissati i quali ho potuto iniziare ad incollare prima i listelli della centinatura inferiore, poi quelli all'esterno delle due fiancate. Incollati tutti i correnti con i relativi supporti e rinforzi, ho messo di nuovo la fusoliera in posizione normale ed ho iniziato ad assemblare la parte superiore, dal posto di pilotaggio fino alla coda, deriva compresa. l lavoro successivo è stato quello di preparare i longheroni portanti anteriore e posteriore, quelli su cui andranno fissate le staffe delle due semiali inferiori. Su una centina campione ho segnato la posizione esatta delle staffe ed ho riportato poi tutto sulle fiancate della fusoliera. Realizzando poi le tracce sul compensato nel modo più preciso possibile ho avuto l'esatta posizione per incollare i longheroni. Incollati i longheroni ho completato la parte superiore della fusoliera incollando le restanti ordinate. Ho inoltre iniziato a preparare anche i sedili.

Comments are closed.